La fondazione

La Fondazione Bambini in Emergenza Onlus nasce negli anni ’90, per volontà e con l'impegno del giornalista e conduttore televisivo Mino Damato, per difendere i diritti inviolabili dei minori: salute, protezione, affettività, istruzione, gioco.
Da quasi venti anni è in prima linea, sul campo, accanto ai bambini abbandonati e/o malati, con particolare riguardo a quelli sieropositivi e vittime dell'AIDS, per non lasciarli soli e per restituire loro la dignità di esseri umani ed una speranza di vita.
In favore dell’infanzia in difficoltà sono stati promossi e realizzati progetti, interventi e azioni di solidarietà finalizzati a rimuovere la specifica situazione di disagio in cui versavano i minori e a garantire loro stabilità e serenità di lungo periodo.  
Siamo ancora in Viaggio, per raggiungere coloro che sono ancora a terra e stanno aspettando di essere soccorsi.

2014

2014

Prosegue con successo il percorso di re-inserimento in famiglia dei bambini del Centro Pilota Andreea Damato attraverso le assistenti maternali. Inizia la collaborazione con la Fondazione Zanetti Onlus a sostegno del progetto 'Una Mamma anche per me'.

Una nuova vacanza estiva viene regalata ai bambini del Centro Pilota a Montegiordano Marina (CS), anche grazie all'aiuto della Diocesi di Cassano allo Ionio (CS) ed all'Associzione Volontari Emmanuel di Cerignola (FG).

Prosegue il sostegno ai bambini africani della Repubblica Democratica del Congo, tramite l'aiuto alla Pediatria di Kimbondo, e a quelli sudamericani, grazie alla collaborazione con l'Associazione Sol Azul.

2013

2013

Viene avviato il progetto 'Una mamma anche per me', per regalare una mamma ed una famiglia ai minori abbandonati ospitati nelle case dei Centri di Singureni. Il progetto vince la XII edizione del Premio Città di Porto Sant'Elpidio 'Infanzia e Solidarietà globale: Iqbal Masih'.

Vengono donati gli arredi necessari per la ripresa delle attività scolastiche della scuola paritaria dell'infanzia 'F. Budri' di Mortizzuolo di Mirandola (Modena), gravemente danneggiata dal sisma del maggio 2012.

In favore dell'Ospedale Pediatrico di Kimbondo, nella Repubblica Democratica del Congo, viene erogato un contributo finanziario ed inviati farmaci e macchinari per la nutrizione indotta.

2012

2012

Nel 'Centro Pilota Andreea Damato' viene costruita l'ottava casa famiglia 'Casa Santa Giuliana', destinata ad ospitare fino ad undici bambini abbandonati e/o malati.

Vengono acquistati settanta letti di degenza per l'Ospedale di Orussi, in Uganda.

Viene finanziato l'acquisto del nuovo arredo della Gasorwe Orphanage Center, Diocesi di Muyinga, Burundi.

Per i bambini di Singureni viene organizzato un soggiorno estivo di due settimane a Montegiordano Marina (Cosenza, Calabria).

Inizia il sostegno alla Associazione Sol Azul, in favore dei minori colombiani del Dipartimento di La Guajira.

2011

2011

La Fondazione sostiene la ricerca sulla sindrome di Rett, grave patologia neurologica, finanziando la Europian Mind and Metabolism Association (E.M.M.A.).

Al reparto di Cardiochirurgia dell'Ospedale San Bortolo di Vicenza vengono donati un eco-cardiografo ed un letto attrezzato per la terapia intensiva.

2010

2010

La Fondazione Bambini in Emergenza ha un nuovo Presidente, Silvia Saini Damato, moglie del giornalista scomparso nel mese di luglio, che continua, insieme ai figli di lui (Donatella e Gianpaolo), l'opera creata dal marito in favore di tutti i bambini in difficoltà.

In onore ed in ricordo del suo Fondatore, viene istituito il 'Premio Mino Damato', consistente in un contributo in denaro da destinare alla ricerca ed alla innovazione medico-scientifica.

2009

2009

Il 12 novembre il 'Centro Pilota Andreea Damato' riceve la visita del Ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, che consegna ai bambini di Singureni aiuti umanitari provenienti dalle principali ditte italiane.

2006

2006

Le case famiglia dei Centri di Singureni, vengono aperte all'accoglienza dei più piccoli, di età compresa tra pochi mesi e due anni, abbandonati e/o malati.

Ristrutturazione delle aule scolastiche della Ol'Kalou Disabled Children's Home, in Kenya, centro per il recupero dei bambini poliomelitici.

2005

2005

A Roma, presso la sede della Fondazione, viene costituito il 'Gruppo di Acquisto solidale Latte&Miele', per l'approvvigionamento e la distribuzione tra gli associati di latte in polvere per neonati e di pannolini a prezzi inferiori a quelli praticati nel mercato italiano.

Viene finanziata la costruzione di un padiglione pediatrico all'interno del North Kinangop Catholic Hospital, in Kenya. In favore della medesima struttura, viene donata una autovettura fuoristrada per gli spostamenti dei pazienti.

In collaborazione con la polizia rumena e la Protezione dei Minori, inizia l'investigazione per rintracciare le famiglie di origine dei minori ospitati nel 'Centro Pilota Andreea Damato' e nel 'Villaggio del Sorriso', per il loro ritorno 'a casa'.

2004

2004

Bambini in Emergenza finanzia la costruzione del Nyumbani-Kitui-Village, in Kenya, primo centro per l'accoglienza, la cura e la formazione di ragazzi orfani ed abbandonati, malati di AIDS.

La Fondazione riceve un importante finanziamento dalla Enel Cuore Onlus, grazie al quale viene ampliato il centro multifunzionale per il recupero e la riabilitazione dei minori di Singureni ed acquistato un generatore elettrico, a servizio del 'Centro Pilota Andreea Damato'.

2003

2003

Per cinquanta dei bambini dei Centri di Singureni, anche grazie all'aiuto dei volontari, viene organizzato un soggiorno estivo in Italia, presso il Centro Agrario Sperimentale di San Floriano (Pordenone) e sulle spiagge di Lignano Sabbiadoro (Udine).

Il 3 settembre, il team della Fondazione ed i suoi bambini vengono accolti in Vaticano dal Santo Padre, Papa Giovanni Paolo II, per una benedizione.

2002

2002

In meno di un mese, viene ristrutturato l'Ospedale San Gallicano di Roma, dotandolo di ambulatori, studi medici ed uffici.

A Giurgiu (40 chilometri dal villaggio di Singureni) viene acquistato un appartamento, chiamato 'Casa dello Studente', per offrire un punto di appoggio ai ragazzi più grandi, evitando loro lunghi tragitti quotidiani per frequentare le lezioni scolastiche.

All'ingresso del villaggio di Singureni, poco distante dal 'Centro Pilota Andreea Damato', viene creato un secondo comprensorio di case famiglia, il 'Villaggio del Sorriso'.

2001

2001

Per i bambini ospitati nel 'Centro Pilota Andreea Damato' di Singureni, non ammessi a frequentare la scuola pubblica per discriminazioni dipendenti dalla loro malattia, viene creata una scuola con tre classi parificate a quelle dell'obbligo.

Per tutti i minori, in difesa dei loro diritti essenziali ed inviolabili, viene istituita la prima (ed unica al mondo) 'Ambasciata dei bambini'.

1999

1999

Inizia il sostegno al 'Coordinamento Famiglie Affidatarie Casa Stefano Onlus'.

In collaborazione con l'Arcidiocesi di Luebo, si avvia un programma alimentare nella Repubblica Democratica del Congo, per la lotta alla malnutrizione proteica. In favore della popolazione congolese, iniziano le spedizioni di aiuti umanitari, con generi di prima necessità, apparecchiature mediche e veicoli per il trasporto.

In Romania, inizia la collaborazione con la Congregazione delle Suore Missionarie Francescane di Assisi, alle quali viene affidato il compito di accudire i bambini ospitati nella case famiglia, insieme al personale infermieristico specializzato.

1998

1998

La Fondazione Bambini in Emergenza viene iscritta alla Anagrafe Unica delle Organizzazioni non Lucrative di Utilità Sociale (ONLUS), con effetti a decorrere dal 24.8.1998.

In soli 34 giorni di lavoro, viene interamente ristrutturato il reparto di oncologia pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma.

1997

1997

Il 31.7.1997 viene costituita, in Italia, la 'Fondazione Bambini in Emergenza', Ente Morale senza scopo di lucro, riconosciuto con Decreto Ministeriale del 2.9.1997 ed iscritta al registro delle Persone Giuridiche al n. 69/97. La Fondazione prosegue l'attività della Associazione Bambini in Emergenza.

All'interno del comprensorio ospedaliero del 'Victor Babes' di Bucarest viene edificato il Centro Operativo di Bambini in Emergenza.

Nel villaggio rurale di Singureni, a 40 chilometri da Bucarest, viene costruito il 'Centro Pilota Andreeea Damato', un polo operativo di case famiglia e di annesse strutture, che accoglie, ospita e cura i bambini malati e/o abbandonati. Tutt'oggi il Centro è uno dei due comprensori, su tutto il territorio rumeno, autorizzati ad accogliere minori sieropositivi e vittime dell'AIDS.

Si inizia ad offrire un supporto logistico alla Associazione Paraplegici di Milano, nel trasferimento del materiale e delle attrezzature sanitarie dall'Italia alla Romania.

Si avvia il sostegno ad una serie di interventi chirurgici, in Italia, su minori affetti da gravi patologie o vittime di incidenti.

1996

1996

Al fine di ottenere le autorizzazioni necessarie per poter operare, in modo strutturato, sul territorio rumeno, nasce la 'Fundatia Bambini in Emergenza', corrispondente Ente non lucrativo di diritto locale.

L'intero padiglione B1 HIV Pediatrico dell'Ospedale di malattie infettive 'Victor Babes' di Bucarest viene ristrutturato e diventa Casa Andreea.

1995

1995

Dopo aver constato che gli aiuti umanitari raccolti ed inviati per quattro anni in favore dei piccoli malati di AIDS dell’Ospedale 'V. Babes' di Bucarest non sono mai arrivati a destinazione e che le loro condizioni sono rimaste immutate, Mino Damato decide di 'scendere sul campo': costituisce quindi la 'Associazione Bambini in Emergenza', per portare un aiuto concreto a tutti i bambini in difficoltà.

A tempo di record, nell'Ospedale di malattie infettive 'Victor Babes' di Bucarest viene creato il nuovo padiglione pediatrico per i malati di AIDS, chiamato 'Casa Doru'.

1990

1990

Mino Damato, in occasione di un'inchiesta giornalistica, scopre che nel Padiglione B1 per l’HIV pediatrico dell’Ospedale 'V. Babes' di Bucarest (Romania) sono ricoverati, in condizioni disumane, più di cento bambini abbandonati e malati di AIDS. I minori del 'V. Babes' sono solo alcuni delle centinaia di migliaia di bambini infettati con il virus dell’HIV durante la dittatura di Nicolae Ceausescu degli anni ottanta.

Per quattro anni, personalmente, Mino Damato organizza la raccolta e l'invio di denaro di aiuti di vario genere in favore dei piccoli degenti.

Da oltre 20 anni
siamo impegnati a trovare
un futuro ai bambini in difficoltà.

Contribuisci anche tu

Dona ora a Bambini in Emergenza tramite il sito Il mio Dono - Unicredit in sicurezza, senza alcuna commissione e direttamente on-line.

Dona Ora

Banca

Conti correnti intestati a
Fondazione Bambini in Emergenza Onlus

  • Unicredit Spa
    IBAN: IT 14 D 02008 05007 000400543115
  • Banca Popolare di Sondrio
    IBAN: IT 17 K 05696 03225 000020000X63
  • Banca Popolare dell'Emilia Romagna
    IBAN: IT 35 O 05387 12800 00000197

Posta

Conti correnti intestati a:
Fondazione Bambini in Emergenza Onlus

  • Con bollettino postale su
    Conto corrente n°: 316000
  • Con bonifico postale su
    IBAN: IT 13 I 07601 03200 000000316000

Scopri tutti i modi per sostenerci